Nascono alla Spezia nel 2015. Propongono a un pubblico generalista un avvicinamento morbido alla poesia. Inaugurano le loro attività con: “Mitilanza, gli spazi mobili della poesia” che conduce alla Spezia oltre 100 autori, dagli esponenti del Gruppo 63 ai protagonisti della generazione entrante. Organizzano poetry slam, rassegne di poesia performativa, conferenze; palestre e seminari di scrittura collaborando con Walter Siti (2018) e Giulio Mozzi (2019). Sono autori della video-performance “Poetry Call” che segnala la difficile situazione degli operatori dei call-center, e, insieme al deejay Michele Mascis, dell’album “Casa Dentro”, un EP di poesia e musica elettronica che, partendo dalla provincia che si spopola, raggiunge, passando per la Via Francigena, le megalopoli dell’Asia. “Poeta non è un lavoro” è il loro spettacolo sull’identità del lavoro; il lavoro che muta le sue sembianze e che supera l’umano. Li accompagna musicalmente Manuel Picciolo, in arte Mappo, già vincitore del Premio Lunezia per le migliori proposte.